Quando la skincare coreana ci ha travolte, ormai più di un anno fa, l’entusiasmo era alle stelle e tutto mi sembrava fantastico ed innovativo. Ora sinceramente l’euforia è un po’ scesa, ma alcuni prodotti rimangono comunque tra quelli che ricomprerei ancora e ancora.

lo ammetto, ho messo questa gif perchè lo sfondo è rosa!

Uno di questi è il siero della innisfree, che però secondo me da il meglio di sè nella stagione estiva. Ora che fa freddo, la mia pelle secca a volte ha bisogno di una coccola extra e siccome a dicembre il lavoro tanto (aiutatemi a dire taaaaaanto) la stanchezza la rende anche spenta.

Lo sleeping pack alla banana di Tony Moly mi ha piacevolmente sorpresa, e ai primi freddi lo ritiro puntualmente fuori per fargli fare il suo dovere. Come spiegato qui gli sleeping pack sono maschere molto nutrienti, ma di consistenza fluida e cremosa, da mettere sulla pelle dopo la detersione serale, prima di andare a dormire e da sciacquare il mattino dopo. Innanzi tutto potete metterle anche con il marito/fidanzato/compagno di viaggio a fianco (io l’ho messo quando sono andata in Giappone) e non sembrerete una pazzoide a cui mancano solo le fettine di cetriolo sugli occhi e i bigodini in testa.

L’effetto di questo sulla pelle secca in particolare è meraviglioso: uno splendido effetto “ho dormito dieci ore e sono fresca come una rosa” anche se ne avete dormito 4. La pelle ha un ottimo aspetto rimpolpato, quasi ringiovanito, rimanendo bella distesa e rosea. Le microrughe vengono prontamente piallate e in generale l’effetto è proprio bello. Io lo uso principalmente nelle occasioni speciali, quando sono molto stanca e ho un evento, una cena ecc. se avete un matrimonio o una cerimonia d’inverno potrebbero essere un’ottima aggiunta alla skincare routine della sposa.

 

Insomma se avete la pelle secca, oppure viaggerete in aereo che si sa che disidrata molto, oppure prevedete una settimana in montagna sulla neve è assolutamente consigliato per proteggere e dare un extra morbidezza e luminositá alla vostra pelle.

 

Se ti è piaciuto leggi anche:
La mia skincare routine invernale per la pelle grassa
libera il tuo viso con il trucco non trucco

Scrittrice famosa (per ora solo nella sua testa…)
Ama: scrivere, salire a piedi nudi sul tatami, i vecchi videogiochi, il cioccolato e quando il d20 rotola finalmente sul venti.
Odia: il suo lavoro, le giornate con meno di nove ore di sonno, sentirsi ripetere le cose due volte e pesarsi.