Hai presente quella cosa che fai da tempo e poi improvvisamente te la ritrovi ovunque, sui giornali, nei negozi, tutti ne parlano, tutti la vogliono, tutti vogliono imparare a fare quella cosa? Tu incassi il colpo, ti bulli con le amiche, oppure ti arrabbi perchè preferivi quando quella cosa la conoscevi solo tu. Ecco quali sono le nostre 3 cose che facevamo prima che fossero mainstream! A proposito, questo è un post a sei mani: ma sei sicura di sapere proprio tutto di noi?

PS: ma lo sai che a fine mese esce la nostra fantastica newsletter? Questo mese abbiamo preparato una super guida a tema arredamento… Iscriviti qui per non perdertela!

Giulia – Le Doc Martens

Pamela e Sara non erano d’accordo e forse non lo sarete neanche voi: a quanto pare negli anni ’90 le Doc andavano veramente di moda. Ma se abiti in una cittadina di provincia (presente!) e frequenti il liceo super fighetto (presente!) negli anni tra il 2005 e il 2010 circa, ehi, a quanto pare le cose non stanno così. Io ho avuto il periodo goth durante la mia adolescenza – e non me ne pento, non lo considero tra i miei errori beauty di gioventù insomma. Quindi tra pizzi neri, corsetti e amenità vittoriane varie, le Doc erano il mio sogno segreto per avere delle scarpe dark da mettere tutti i giorni per andare a scuola – dove mantenevo comunque un look low profile. Ho ottenuto le mie adorate Doc (rigorosamente nere) dopo averle cercate in lungo e in largo nei negozi (inesistenti), averle ordinate online ed essere guardata come quella “strana” da tutta la mia classe – io le portavo lo stesso e me ne fregavo. Appena ho finito il liceo – BOOOM, esplosione, le Doc Martens vanno di super moda, tutte le vogliono, si trovano comodamente in tutti i negozi e le ragazze popolari che mi schifavano al liceo ora le portano come un accessorio di lusso. Okay, karma, okay.

Pamela: Guardare telefilm in contemporanea con gli USA

Avete presente quando esce la puntata nuova di Game of Thrones e il collega/amico vi dice che ha passato la notte in bianco per seguirla in streaming con gli Usa? O quando cerchi di arrivare alla sera successiva senza aprire i social per evitare gli spoiler? Beh, direte, normale routine! Eh no! Non era così all’inizio 2000, quando tutti e dico tutti guardavano le serie tv in tv! Io già all’epoca ero una appassionata e non riuscivo ad aspettare la messa in onda italiana per i miei telefilm preferiti, in più adoro i programmi in lingua originale (ohhh l’accento inglese che bello!) e quindi ero una delle poche tra i miei conoscenti a seguire le serie in contemporanea. Quando i miei amici si domandavano cosa c’era dietro la botola di Lost io avevo già praticamente visto tutte le altre stagioni, e li sbeffeggiavo minacciandoli di spoiler. Una vera nerd spocchiosa già all’epoca!

 

Sara: Il bullet journal

Se vi è mai capitato per caso, di fissare incantate quei video in cui un paio di mani inquadrate disegna/squadretta/numera/mette washi tape e crea un meraviglioso bullet journal dal nulla, allora sapete di che cosa sto parlando. Se non lo sapete… Beh il bullet journal altro non è che un’agenda completamente personalizzata e fatta a mano, disegnata e corredata di card, frasi motivazionali, tracker dell’umore o del tempo o per la lezione di yoga ecc. Ora sono di modissima e un video di questo tipo fa milioni (sì, non migliaia, anche milioni!!) di visualizzazioni, le planner/organizer/bullet journal impazzano e ovunque trovate spunti e suggerimenti, persino i nostri, ma quando ero al liceo il diario, anzi IL DIARIO era fondamentalmente la smemo. Soprattutto se eri una ragazza. Personalmente non mi aveva mai entusiasmata e  sul mercato non si trovava niente come dicevo io. Mi sono armata di pazienza, colori (facevo o no il liceo artistico?) e il più bel quaderno che avessi trovato. Ho suddiviso tutte le pagine, le ho datate, usando per ogni giorno stile e colori diversi, aggiungendo disegni, citazioni e poesie per ogni giorno dell’anno scolastico! Devo dire che i miei compagni di classe erano piuttosto sotto shock, e lo sforzo, anche se il risultato è stato soddisfacente, non mi ha entusiasmata. Ora non lo farei per niente al mondo, non ho proprio tempo, anche se l’idea di un organizer completamente personalizzato mi stuzzica, so benissimo che l’impresa è titanica e non la porterei a termine. Per ora ho trovato la pace con la mia adorata paperchase.

Ah! Ovviamente eravamo Nerd tutte e tre ben prima che il fantasy e la fantascienza spopolassero al cinema, in libreria e in tv!

E voi? c’è mai stato qualcosa che facevate e per cui tutti vi guardavano storto, che all’improvviso è diventato incredibilmente di moda?

 

Se ti è piaciuto questo articolo, leggi anche:
Noi donne facciamo una vita di merda
Cos’è il lusso per te?

Giulia, Pamela e Sara. Tre ragazze di Genova convinte che per sopravvivere nel mondo moderno ci vogliano le soluzioni giuste. Scopri chi siamo qui.
Amano: le riunioni di redazione col sushi, le cose che ti semplificano la vita, Instagram.
Odiano: le to-do list infinite, la dieta e il make up che sbava.