Cara lettrice, io e te dobbiamo fare un patto. Io “salgo in cattedra” con molto imbarazzo per scrivere questo post, perchè si tratta di un tema complicato in cui io non sono ferrata. E perchè ne parli, allora? ti chiederai.

Perchè ho avuto un problema e ho cercato di risolverlo e voglio condividere con te le cose che ho scoperto in questo processo. Che poi è più o meno lo spirito che sta alla base di tutto questo blog, condividere soluzioni che noi per prime abbiamo sperimentato e che si sono rivelate utili (come è successo a Sara col suo percorso per declutterare casa e crearsi l’armadio perfetto).

Premesso questo e premesso che non sono una ragazza che ci tiene a vestirsi *bene* nel senso fashion del termine, ci tengo ad essere presentabile senza spendere ore di indecisione ogni mattina davanti all’armadio con la fatidica domanda Che cosa mi metto?, oggi voglio parlarti di come sembrare professionale o ben vestita anche se non hai molti soldi da spendere e non puoi fare un vero e proprio upgrade del tuo guardaroba. È una situazione che può capitare, per esempio se inizi a lavorare (presente!), se cambi improvvisamente lavoro e ti trovi in un ambiente più chic, se hai una cena elegante inaspettata e così via… Io mi sono trovata catapultata dai banchi dell’università ad uno studio di avvocati, chiaro che il dress code non fosse proprio lo stesso.

Attenzione ai materiali

Le bluse sono bellissime e super eleganti, sì, lo sappiamo tutte. Ma se tutto quello che puoi permetterti è una blusa di H&M in puro poliestere, si vedrà lontano un miglio che il materiale è scadente, a parte che probabilmente ti farà sudare e non ti vestirà bene. Non riesco ad immaginare niente di peggio di quell’aspetto “vorrei-ma-non-posso” che certi capi regalano. Meglio scegliere materiali più “umili” come un normalissimo cotone, una bella camicetta in cotone è sempre classica e formale e ti salverà da molte situazioni senza darti quel look “cheap” e stropicciato. Questo discorso vale ovviamente anche per i maglioni in acrilico, i pizzi che più finti non si può e via dicendo… Rovinano anche un bell’abbinamento perchè sono scadenti, e si vede. Scegli materiali come cotone, viscosa e lana il più possibile e prediligi i “blend”: un maglione 20% lana, 30% viscosa e 50% acrilico probabilmente sarà di qualità media e ti terrà anche abbastanza calda.

Attenzione alla palette di colori

Ci sono abbinamenti che immediatamente identifichiamo come più eleganti, come bianco e nero. Non sarà un caso che nell’abbigliamento formale da uomo i colori concessi sono pochi e sempre gli stessi. Ora, lungi da me consigliarti un armadio optical solo per il lavoro! Ma attenzione a scegliere la tua palette e soprattutto, quando ti vesti, cerca di non usare più di tre colori per volta. Sembra un consiglio banale, ma d’inverno con cappotto, borsa, guanti e chi più ne ha più ne metta è facile sforare questa “regola”. Non che ci sia qualcosa di male nell’indossare tanti colori, ma se non è fatto a regola d’arte di solito dona un look più casual che non formale.

Sfrutta quelle gambe!

Eh no, non è una battuta di pessimo gusto. Noi donne abbiamo quest’arma a doppio taglio: gonne e vestiti vengono di solito considerati “eleganti” già da quando siamo bambine, chi si ricorda l’immancabile gonna della domenica per sembrare signorine? Tanto che spesso le ragazze si vergognano di mettere le gambe in mostra perchè hanno paura di essere overdressed (come ha spiegato bene Anna Venere). A matrimoni e cerimonie varie la gonna o il vestito sembrano quasi d’obbligo, e così via. Bene, è ora di volgere questo brutto clichè a nostro favore: una semplicissima gonna o un vestitino dalla linea pulita ti danno punti eleganza per il solo fatto che li hai preferiti al solito paio di pantaloni, quindi se li hai nell’armadio sfruttali. Basta mettersi un bel paio di collant caldi, magari misto cachemire, starai calda e verrai considerata elegante da tutti.

Linee pulite e poche texture

Misteri della fede anche qui, siamo portati a percepire un tessuto liscio come più elegante rispetto ad un altro più “texturizzato”. Il velluto a costine è meno elegante del velluto liscio. Il raso è più elegante del cotone e così via… Anche le fantasie incidono su questo discorso, spesso rendendo più casual un outfit. Quindi, se il tuo scopo è risultare il più elegante possibile con quello che hai nell’armadio, cerca di abbinare al massimo un capo molto texturizzato alla volta con capi più lisci, idem per le fantasie.

Attenzioni ai gioielli

Non serve spendere una fortuna, ma effettivamente un bell’orologio, un punto luce sul decolletè o intorno al viso elevano l’outfit generale facendoti sembrare più professionale. Quindi, se proprio non hai nulla o se sei una tipa da gioielli handmade (presente!) considera di integrare anche qualche pezzo più classico che si sposi bene con tutto. Io ti consiglio questa marca che costa poco su Amazon e fa gioielli carini e curati. Il mio ragazzo mi ha regalato in particolare questa collana e devo dire che è proprio carina!

Le mani

Ahi ahi ahi. Punto dolente lo so. Anche qui, davvero, non serve spendere per farsi fare una costosa manicure che dura appena una settimana se va bene. Scegli un buono smalto di un colore neutro (un classico rosso, un rosa, un taupe…) e fatti tranquillamente una manicure in casa seguendo i nostri consigli (fidati, verrà perfetta!), vedrai che il risultato sarà ottimo! Le mani sono un punto che si nota tanto nelle altre persone, perchè con le mani ci esprimiamo (specialmente noi italiani!) e averle curate ti farà apparire più professionale ed elegante.

Queste sono le cose che ho sperimentato io, anche se spesso non le seguo proprio alla lettera (ahi ahi!). E tu, hai dei consigli da condividere?

Alla prossima,
Giulia

Se ti è piaciuto questo articolo, leggi anche:
Come pianificare il menù settimanale
Come risparmiare tempo al mattino

Laureata in Giurisprudenza, fa la pratica legale a Genova (ma solo perché Matt Murdock non l’ha presa).
Ama: impegnarsi in qualcosa, la musica indie italiana, fingere di essere un gatto e il caramello salato.
Odia: le brioche con poco ripieno, il lunedì mattina e il piumone freddo d’inverno.