Io credo abbiate già sentito parlare tutte del brand The ordinary. Se così non fosse, breve riassuntino: è un brand inglese che produce cosmetici molto semplici, che costano poco, con confezioni minimal ma di alta qualità. L’idea di questa azienda è infatti offrire i cosiddetti principi attivi nella formulazione più semplice possibile, in modo tale da renderli economici ma anche da far sì che sia il consumatore a scegliere come mischiarli. Non è un brand per novellini della cosmesi: dovete avere due nozioni due per acquistare, altrimenti rischiate di fare casini e comprare due prodotti che magari non vanno assolutamente usati insieme. I nomi non aiutano infatti: invece dei soliti nomi commerciali troviamo i nomi delle sostanze e del principio attivo – quindi niente “crema nutriente” ma magari “acido retinoico”. Se volete andare sul sicuro, affidatevi alla loro guida e rispettate le loro istruzioni.

Detto questo, io ad aprile ho finalmente provato questo brand che volevo da tanto ed ora recensisco i prodotti che ho scelto per la mia pelle grassa.
Li ho integrati nella mia routine degli ultimi mesi che è costituita dal detergente Spumone della Estetista Cinica e come tonico Luce liquida sempre dell’Estetista Cinica che avevo già recensito qui.

The ordinary – Granactive Retinoid 2% Emulsion

Come dice il nome, è un’emulsione al 2% di acido retinoico. Cosa fa l’acido retinoico ve lo spiegano meglio loro, io in due parole vi posso dire che aiuta a rigenerare la pelle, è ottimo infatti contro qualsiasi tipo di segno cutaneo: acne, rughe, macchie e così via. Per quello è molto quotato nelle creme anti-age, ma non è un idratante attenzione! Serve più ad esfoliare e far sembrare la pelle bella liscia e luminosa, come rimpolpata. Lo fa davvero? Ebbene, sì!! Sono rimasta davvero contenta di questa scoperta, mi ha lisciato la pelle ed aiutato a superare un brutto periodo pieno di sfoghi, brufoli e punti neri. L’impressione è proprio che la pelle fosse più sana e più distesa, con le mie cicatrici da acne un po’ appianate. Ovvio il risultato non è un miracolo ma secondo me con un uso costante può fare davvero tanto. Ora ho deciso di alternarlo al mio amato Trattamento notte di Domus Olea, anche lui esfoliante ma diverso, direi che il Trattamento notte è più aggressivo e ripulisce, mentre l’acido retinoico è come se agisse più in profondità. Se ci sono laureate in chimica che vogliono darmi una mazzata mi spieghino pure – ma sulla mia pelle i due prodotti hanno avuto questi due risultati diversi, ma ugualmente apprezzabili!

The ordinary – Niacinamide 10% + Zinc 1%

Questo prodotto invece mi crea più difficoltà nel momento di recensirlo. La niacinamide è una sostanza anti imperfezioni e soprattutto anti lucido ed io l’ho comprato piena di speranza, viene anche usata in campo farmaceutico come trattamento. La verità è che non riesco a capire se funziona o meno, forse anche perchè l’ho usata in concomitanza con l’acido retinoico e faccio fatica a separare i due effetti. L’ho usata al mattino come siero, sicuramente è molto leggero e lascia la pelle asciutta, ma se effettivamente io mi sia lucidata di meno non lo saprei dire. Quindi per ora è un ni. Spero di testarla meglio in futuro per riuscire a scindere i suoi effetti dalle altre cose che sto usando, ma non è scontato.

dobbiamo riconoscere che hanno delle confezioni molto instagrammabili

Ora vorrei altri prodotti di questo brand, perchè mi piace un sacco la loro filosofia del “crea la tua routine fai da te”. Ho sentito miracoli del siero alla caffeina per le occhiaie e vorrei avventurarmi nel mondo degli acidi (forse acido mandelico) da usare una tantum per una botta di esfoliazione in più. Hanno anche l’acido salicilico al 2% che potrebbe sostituire il mio amato Luce Liquida, visto che costa meno, ma devo sperimentare. Voi cosa ne pensate? Secondo me sono buoni prodotti da integrare in una routine già consolidata se uno sa bene cosa scegliere.

Se ti è piaciuto questo articolo, leggi anche:
La nostra rubrica dedicata alla pelle
Noi donne facciamo una vita di merda

Laureata in Giurisprudenza, fa la pratica legale a Genova (ma solo perché Matt Murdock non l’ha presa).
Ama: impegnarsi in qualcosa, la musica indie italiana, fingere di essere un gatto e il caramello salato.
Odia: le brioche con poco ripieno, il lunedì mattina e il piumone freddo d’inverno.